venerdì 12 gennaio 2018

Perché siamo favorevoli alle energie rinnovabili e contrari all’impianto termodinamico solare di San Quirico a Oristano

Come abbiamo avuto modo di chiarire in questi anni, le nostre Associazioni ritengono che l'impegno primario di tutti, in Sardegna, ma anche in Europa e nel mondo, debba essere concentrato sulla effettiva riduzione di tutte le emissioni nocive a livello globale.

Con questo spirito abbiamo presentato Osservazioni critiche al Piano Energetico e Ambientale Regionale Sardo (2015-2030) e su questi temi abbiamo basato la nostra politica ambientalista in Sardegna. Riteniamo quindi che il nostro sostegno debba rivolgersi ad una corretta politica incentivante delle energie rinnovabili (quella, per intenderci, che supporta la produzione diffusa e  l’autoconsumo), mentre una forte e determinata azione di contrasto debba essere esercitata nei confronti della proliferazione di impianti industriali per la produzione di energia elettrica, che, oltre al rilevante impatto ambientale, determinano una indiscriminata distruzione di aree a vocazione agricola, conseguendo nello stesso tempo non significativi risultati in termini di riduzione di gas serra, inefficienze produttive e insostenibili costi economici e ambientali per le collettività a beneficio di interessi speculativi.

L'area interessata dall'impianto termodinamico solare
L’impianto di San Quirico, la cui VIA è stata recentemente approvata dalla giunta regionale sarda in palese contrasto con le finalità espresse nel PEARS e con motivazioni contradditorie rispetto a pronunciamenti per analoghi impianti, appartiene a quest’ultima categoria per una serie di motivazioni:
  •  si tratta di un impianto industriale ubicato in aree agricole, oggetto di uno storico riordino fondiario da parte dell’ETFAS e ospitanti aziende modello e fattorie didattiche. L’ENEA, che ha dedicato studi alle Centrali termodinamiche proprio al tempo della Presidenza Rubbia, ha espressamente raccomandato nelle numerose pubblicazioni che per quanto concerne la loro ubicazione tali centrali dovessero mirare a “valorizzare terreni non altrimenti utilizzabili, come le aree desertiche, le aree industriali dismesse o le discariche esaurite proprio a causa dei devastanti impatti ambientali indotti da tale tipologia di impianti. Per tali motivi le CSP in Spagna sono ubicate all’interno di vecchie cave dismesse o in zone improduttive, in California, Africa e Paesi Arabi sono collocate in pieno deserto. Non a caso il termodinamico solare è stato definito la "tecnologia del deserto";
L'area desertica che ospita l 'impianto di Solnova in Spagna

  •  il DPR 387/2003, spesso citato per giustificare l’ubicazione degli impianti FER nelle aree agricole, precisa che una tale opzione localizzativa “dovrà tenere conto delle disposizioni in materia di sostegno nel settore agricolo, con particolare riferimento alla valorizzazione delle tradizioni agroalimentari locali, alla tutela della biodiversità, così come del patrimonio culturale e del paesaggio rurale”. E’ del tutto evidente invece che questo impianto risulta del tutto incompatibile con le attività agricole e di allevamento, come peraltro confermato dallo stesso prof. Rubbia in un recente articolo su un quotidiano regionale;
  • gli impianti CSP in quanto idroesigenti sono causa di un eccessivo consumo di risorse idriche, quindi il conseguente notevole prelievo delle acque dal sottosuolo determina impoverimento delle falde, prosciugamento dei pozzi circostanti e messa in crisi delle attività agricole e zootecniche esistenti nel territorio circostante;

  • Kitawa - Coltivazione di Jatropha
  •  considerata l’assenza di boschi e foreste in prossimità dell’impianto, non risulta credibile l’opzione “km zero” per l’approvvigionamento della biomassa. E’ dunque presumibile che essa dovrà essere importata con trasporti su gomma da distanze notevoli, come avviene in impianti simili ubicati in altre località europee, con l’ovvia conseguenza di annullare i vantaggi in termini di economia di CO2;
  • la Sardegna esporta circa il 33 % dell’energia elettrica prodotta, la produzione derivata da FER incide per il 36% rispetto al consumo energetico elettrico totale. Risulta del tutto evidente che la scarsa produzione dalla Centrale della San Quirico Solare Power oltre a non avere peso per il conseguimento degli obiettivi imposti dal burden sharing perché già ampiamente soddisfatti, risulta irrilevante ai fini della riduzione di CO2 in Sardegna, mentre alto è il prezzo pagato in termini di non sostenibilità ambientale.

  • Dati Terna 2016 - produzione, consumi e esportazione energia regione Sardegna

Sono questi solo alcuni dei motivi che ci portano a sostenere le giuste rivendicazioni della comunità che lotta per impedire la realizzazione dell’impianto a San Quirico e a contrastare l’ubicazione nelle aree agricole della Sardegna di questi impianti, peraltro privi di futuro, destinati ad una rapida obsolescenza tecnologica, con irrisolti problemi di smaltimento dei rottami e impossibilità di ripristino dei luoghi. Alla luce di tali considerazioni, appare del tutto incomprensibile la decisione della Giunta Regionale di approvare l‘impianto in sede di VIA, una decisione in aperto contrasto con i contenuti generali e le finalità stesse del Piano Energetico e Ambientale Sardo - che prevede la realizzazione di impianti CSP di piccola taglia - approvato solo qualche mese fa dalla stessa Giunta Regionale.


In conclusione le Associazioni Ambientaliste, Italia Nostra e Wwf della Sardegna ribadiscono con rinnovata convinzione tutte le argomentazioni poste a fondamento delle Osservazioni, redatte in opposizione alla realizzazione delle CSP proposte per il Medio Campidano, e che sono state condivise dalla stessa Regione in sede di VIA Statale e fatte proprie dal Governo Gentiloni. Quest’ultimo, con Delibera del 22 dicembre 2017, ha ritenuto  inammissibile la realizzazione dell’impianto di Gonnosfanadiga, sulla base dell’incontestabile principio che “la centrale solare termodinamica produrrebbe un elevato impatto sull’assetto paesaggistico e sulle modalità di utilizzo, anche economiche, dell’area che sarebbe in contrasto con le norme previste dal codice dei beni culturali, con la pianificazione territoriale regionale e locale, oltre che con le finalità della Strategia nazionale della biodiversità e con le politiche agricole dell’unione Europea”. 
Graziano Bullegas   Italia Nostra Sardegna
Carmelo Spada       Wwf Sardegna

Rendering dell'impianto

sull'argomento



Impianto CSP nel deserto californiano

mercoledì 10 gennaio 2018

La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica. Tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione


Il Giorno della Memoria è una ricorrenza internazionale per commemorare le vittime dell’Olocausto. Il 27 gennaio 1945 è il giorno in cui fu liberato il campo di concentramento di Auschwitz ad opera delle truppe sovietiche dell’Armata Rossa.
Da anni San Vero Milis partecipa con coscienza storica e civica alla memoria di quanti sono deceduti nei campi di concentramento, tra i quali anche un concittadino.
Il 16 gennaio 1946 morirono alcuni cittadini di San Vero Milis a causa dell’esplosione di una bomba residuo bellico della II guerra mondiale.
La celebrazione delle due giornate all’interno delle iniziative per I Giorni della Memoria, vuole ricordare un periodo triste della storia contemporanea e raccontare ai più giovani per NON dimenticare.
Qualche giorno fa si è celebrato il 60mo anniversario della Costituzione della Repubblica. Per trasmettere i valori contenuti nella Carta Costituzionale e per promuoverne la conoscenza, il Comune di San Vero Milis, l’ANPI provinciale di Oristano e Italia Nostra Sardegna presentano un incontro dibattito sull’articolo 9 della Costituzione.
Martedî 16 gennaio 2018, ore 17.30
Aula Consiliare – via San Michele, San Vero Milis

La serata culturale prevede i saluti e l’introduzione di Luigi Tedeschi, Sindaco di San Vero Milis e gli interventi di:
·      Carla Cossu: l’importanza dell’art. 9
·    Alfonso Stiglitz: la repubblica e i beni delle Comunità  
· Graziano Bullegas: territorio e paesaggio, la Costituzione disattesa


“La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica. Tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione”.
“Forse l’articolo più originale della nostra Costituzione repubblicana è proprio quell’articolo 9 che, infatti, trova poche analogie nelle costituzioni di tutto il mondo”
Carlo Azeglio Ciampi
L'argomento, di fondamentale importanza, assume particolare rilievo in questo momento, sia per le disastrose conseguenza dell'incuria e della mancata prevenzione delle emergenze idro-geologiche, sia per le nuove norme urbanistiche che la Regione Sardegna, anche in conflitto col governo nazionale, si accinge ad approvare.